Gianluca Serrenti

In d-unu momentu de scunfortu, chi dònnia tanti mi pìgada acomenti si fèssidi un’atacu de malària, apu nau: “Custu pòpulu non mèritada s’impènniu cosa mia”. E inciandus ddu criemu de diaderus, poita tropus bortas deu, acomenti medas atrus, seu abarrau tristu, sconsolau e delùdidu de sa manera chi tenint is Sardus, chistionendi in generali, de acetai trancuillamenti is milla facis de sa colonizatzioni polìtica, econòmica, culturali foratesa chene si poni dùbius, domandas e problemas o puru sceti chene ddoi arrexonai apìcius, cosa chi a su contràriu ed’a essi dènnia de unu pòpulu chi scidi perfetamenti cali ed’a depi essi su logu suu in su mundu.

E, a nai totu sa beridadi, non esti ca imoi ndi sia pròpiu siguru a su centu po centu de podi essi prus fidociosu de custu puntu de vista, poita caraterialmenti abarru unu pagu difidenti (po non nai scramentau), perou de s’atra parti seu puru otimista, cònchinu (meda) e (creu assumancus unu pagu) generosu cantu bàstada po mi torrai a poni in giogu e a dispositzioni, cun entusiasmu nou, de sa causa nòbili e manna chi s’adi fatu atobiai meinnoi.

E, prima chi mi ndi schedèscia, assùngiu ca seu arròscidu, antzi mi seu pròpiu segau is buciacas, de intendi sempri pocos, locos y mal unidos, poita seus medas, sàbius e beni unius. De indipendentista seu nàscidu cun iRS, crèscidu cunProgReS e imoi lòmpidu in Torra!. In d-una vida sceti ed’a bastai puru, pènciu, mancai, acomenti mi pràxidi a nai, non tenga sa bòcia de imbirdu po essi in gradu de castiai in su tempus chi ad’a benni. Siguramenti custa imoi esti domu mia e innoi m’agatu beni, impari a genti meda chi giai conòsciu e stimu de annus e annus e a cumpàngius nous chi non biu s’ora de conosci mellus, po traballai acomenti fradis e sorris po arrealizai su bisu nostu. Finces a sa Repùbrica!


In un momento di sconforto che mi prende ogni tanto come fosse un attacco di malaria, ho detto: “questo popolo non merita il mio impegno”. Lo credevo davvero, perché troppe volte, come molti altri, mi sono rattristato, sconsolato e deluso del mondo che hanno i sardi, parlando in generale, di accettare tranquillamente i mille volti della colonizzazione politica, economica e culturale esterna, senza porsi dubbi, domande e problemi o anche senza ragionarci sopra, cosa che invece sarebbe degna di un popolo che sa perfettamente quale dovrebbe essere il suo posto nel mondo.

E, a dirla tutta, non è che ora sia sicuro al cento per cento di poter aver fiducia da questo punto di vista, perché caratterialmente rimango diffidente (per non dire scottato), ma d’altra parte sono anche ottimista, testardo (molto) e (almeno credo) generoso quanto basta per rimettermi in gioco e a disposizione, con rinnovato entusiasmo, della nobile e grande causa che ci ha fatto incontrare qui.

E, prima che me ne dimentichi, aggiungo che sono stanco, anzi, mi sono veramente rotto, di sentire sempre il concetto di pocos, locos y mal unidos, perché siamo tanti, saggi e uniti. Mi sono fatto indipendentista con iRS, cresciuto con ProgReS e ora arrivo a Torra!. In una vita sola dovrebbe anche bastare, credo, anche se come mi piace dire non ho la palla di vetro per riuscire a guardare nel futuro. Sicuramente questa ora è casa mia e qui mi trovo bene, assieme a persone che conosco e stimo da anni e anni e a compagni nuovi che non vedo l’ora di conoscere meglio, per lavorare come fratelli e sorelle per realizzare il nostro sogno. Fintzas a sa Repùblica!

Artìculu prus bètzuAntonella Puddu
Ateru artìculuArrivano i loro! Anche quest’anno i sardi non saranno campioni d’Europa