Franciscu Pala: “Spesso nella nostra area si parla in astratto di unità. Noi stiamo agendo questa unità. In un progetto di ampio respiro”

Franciscu Pala, Helis. Foto marcellosaba.com
Nicola Meloni, Federico Coni, Franciscu Pala, Priamo Cottu, Giuseppe Mattana, Stefania Taras. Foto marcellosaba.com

Buongiorno a tutti, grazie ai giornalisti presenti che hanno accolto l’invito alla partecipazione a questa conferenza stampa a nome di questa piccola porzione di attivisti di iRS, militanti di ProgReS e sostenitori di Torra. 

Vi parlo oggi in veste di componente del comitato di gestione del blog Helis nel quale lavoro fianco a fianco con Nicola Meloni e Simone Maulu. Poco meno di un mese fa, in occasione del 28 aprile, sa Die de sa Sardigna, la festa nazionale del popolo sardo, le forze politiche qui presenti hanno dato vita ad helis.blog, un aperiodico repubblicano, uno spazio comune di confronto interno e di apertura plurale alla società sarda. Un aperiodico indipendente ma che è parte integrante del processo che descriveremo.

Quello che annunciamo oggi è frutto di una profonda riflessione sugli ultimi 20 anni di indipendentismo organizzato. Una riflessione a tutto campo, senza sconti sugli errori o sui passi falsi ma senza false modestie rispetto agli esiti positivi del nostro operato storico e attuale.

Non siamo qui per annunciare la nascita di una coalizione o di un’alleanza elettorale. Non siamo qui per annunciare qualcosa di effimero con orizzonti a corto raggio.

Oggi, con questo importante atto che al contempo è un’operazione di riconciliazione tra storie politiche che hanno vissuto traumi e allontanamenti ma anche di apertura a storie politiche che non si erano ancora mai incontrate, annunciamo l’avvio di un vero e proprio processo di dialogo politico, strutturato in fasi: Est Ora.

Con un’operazione di verità e confronto, nella prima fase di questo processo ci concentreremo sulla costruzione di un bagaglio di analisi e di proposta politica condivisa. Che esiste già ma ha bisogno di essere attualizzato e riscritto collettivamente.

Partiamo dalle fondamenta di qualsiasi iniziativa politica che abbia prospettive a lungo, lunghissimo periodo: la comunità umana e il minimo comune denominatore politico fra queste tre realtà politiche che, ognuna con la propria identità, il proprio lessico e le proprie priorità, sono promotrici e interpreti di questo processo di dialogo. Spesso si parla astrattamente di unità dell’indipendentismo, noi accettiamo la sfida e invece di parlarne, agiamo questa unità.

Oggi consegniamo alla nazione sarda le nostre storie, le nostre voci, i nostri volti non chiedendo niente in cambio se non la partecipazione e la vicinanza di tutti gli indipendentisti, di tutti i repubblicani, di tutti coloro che sentono che è arrivata l’ora di una ripartenza, serena, senza alcun tipo di fretta ma inesorabile, dell’indipendentismo politico organizzato.

Franciscu Pala, fondatore di iRS, responsabile del movimento fino al 2011. Oggi è tra i promotori di Torra!

Artìculu prus bètzuIntervista a Fawzi Ismail sulla situazione in Palestina
Ateru artìculuSimone Maulu: “Se qualcuno pensa che in Sardegna non esiste un Popolo e che non esiste più chi lo difende si è sbagliato di grosso”